Subirrigazione nella coltivazione dell’asparago

Gbirrigazione si occupa anche della progettazione, realizzazione e manutenzione di impianti subirrigazione nella coltivazione dell’asparago! L’asparago è una pianta erbacea perenne consumata principalmente nella sua parte verde da parte dei popoli mediterranei mentre i paesi del nord Europa (ed Italia) preferiscono la parte bianca. I maggiori produttori al mondo sono la Cina, il Perù, il Messico, gli USA ed il Sudafrica mentre a livello europeo primeggiano Spagna, Francia, Germania ed Italia. La parte pregiata dell’asparago è chiamata “turione” ed è il giovane germoglio che viene raccolto per la tavola. Intorno a fine inverno i turioni iniziano a svilupparsi non appena la temperatura raggiunge circa i 10°C, sottoterra sono di colore bianco mentre man mano che crescono escono dal terreno e cambiano colore passando dal rosaceo al color viola e poi verde. La subirrigazione nella coltivazione dell’asparago è il miglior metodo di irrigazione in assoluto visto che può essere abbinata alla fertirrigazione per aumentare notevolmente la resa produttiva. Inoltre è stato dimostrato che con la subirrigazione diminuiscono le probabilità di comparsa di malattie fungine, infatti stress idrici prolungati provocano all’asparagiaia la comparsa di marciumi radicali dovuti al fungo chiamato “Fasarium”.

GBirrigazione installa impianti di subirrigazione nella coltivazione dell’asparago utilizzando ali gocciolanti con gocciolatori da 2 litri distanziati tra loro tra i 30 ed i 40 cm. che possono essere interrate sia nel momento della messa a dimora delle zampe di asparago che nel momento successivo del trapianto. Interriamo le ali gocciolanti nella misura di una per filare ad una profondità variabile tra gli 8 ed i 30 cm. a seconda della tecnica di coltivazione. I volumi di acqua richiesti dall’asparago sono compresi 5000-6000 m3/Ha, poi ovviamente variano a seconda dell’evapotraspirazione e della quantità di acqua presente nel terreno. Fondamentale è cessare le irrigazioni a fine agosto o primi di settembre per evitare che la pianta continui a produrre fusti che alla pianta non servono indebolendola. I vantaggi  della subirrigazione nella coltivazione dell’asparago risiedono nell’aumento del numero di turioni prodotti, eliminazione delle erbe infestanti, piante più sane, possibilità di abbinare la fertirrigazione, risparmio del costo di manodopera non più necessaria grazie alla meccanizzazioni di varie operazioni che senza tubazioni a vista ora si possono effettuare. Oltre alla subirrigazione nella coltivazione dell’asparago si può abbinare la fertirrigazione, vale a dire somministrare una determinata quantità di fertilizzanti tramite la subirrigazione con lo scopo di fornire alla piante il corretto nutrimento in ogni periodo dell’anno direttamente alle radici senza pericolo di disperdere il nutrimento lontano dalla pianta evitando quindi di inquinare le falde acquifere.

 

 

Visualizza la nostra pagina Pinterest per agricoltura!