Irrigazione per giardino pensile

Il giardino pensile è una tipologia di giardino costruito al di sopra di una struttura esistente, quindi rialzato rispetto al livello del terreno. I giardini pensili sono costruiti qualora non sia possibile la costruzione di un normale giardino a terra, come avviene ad esempio nella maggior parte delle grandi città italiane. Permettono di mantenere la temperatura fresca durante la stagione estiva e calda durante i mesi invernali garantendo un notevole risparmio energetico. Aiutano poi a conservare meglio l’impermeabilizzazione del tetto dell’immobile, proteggendolo dai raggi diretti del sole, dai fenomeni atmosferici anche i più violenti e dalle escursioni termiche, riducono le emissioni di anidride carbonica nell’ambiente e trattengono le polveri sottili (eliminandone circa il 20%), isolano i vani sottostanti dall’inquinamento acustico della città, consentono di riutilizzare l’acqua piovana, grazie ad un sistema di recupero (che sfiora anche dell’80%) garantendo così un notevole risparmio in denaro. Inoltre il verde pensile è una sorta di vero e proprio habitat permettendo di potersi assicurare preziosi momenti di relax in qualunque momento della giornata.

Un giardino pensile in genere comporta la costruzione di un sistema di irrigazione artificiale, permettendo d’altro canto di migliorare il microclima nell’edificio. Notevoli vantaggi si hanno nell’inserire un impianto di subirrigazione per risparmio idrico, permettendo di evitare di bagnare le zone circostanti e sottostanti evitando spiacevoli disagi. Da ricordare che l’impianto di subirrigazione non è soggetto, al contrario di quello ad aspersione, ad eventi.

I sistemi di realizzazione per verde pensile fino a qualche anno fa venivano copiati da quelli utilizzati nei paesi del centro Europa, e solamente adattati alle condizioni meteo climatiche dell’Europa meridionale. GBirrigazione ha introdotto oramai da anni dei sistemi per giardini pensili studiati e mirati per il nostro clima mediterraneo, caratterizzato dalle diverse condizioni meteo e climatiche e soprattutto dai diversi benefici ottenibili.

Il verde pensile permette di ridurre i consumi energetici e ridurre l’inquinamento di ogni abitazione singola e condominio e promuovere la crescita sostenibile in ogni nostra città.

Diventa così possibile risparmiare fino al 30% annuo grazie alla realizzazione di giardini e orti sui tetti delle abitazioni di ogni città.

GBirrigazione vi permette di ridurre i consumi ed i costi energetici a livello condominiale o di singola abitazione ed allo stesso tempo abbellire il proprio stabile, abbattendo le emissioni di CO2, con l’obiettivo di promuovere la riqualificazione energetica nell’edilizia urbana e convincere i cittadini ad adottare comportamenti più virtuosi in termini di impatto e sostenibilità ambientale.

Far crescere orti e giardini sui tetti dei condomini, o ricoprire di piante rampicanti le facciate dei palazzi, consente di ridurre fino al 30% i consumi di energia e di ridurre in maniera significativa la bolletta. La creazione di verde pensile permette di valorizzare un immobile anche per fini commerciali per venderlo o affittarlo incrementandone il valore ed è una soluzione ottimale per risparmiare energia e fare del bene all’ambiente.

Verde pensile

Verde pensile

GIARDINO PENSILE ESTENSIVO

Il giardino pensile estensivo è il sistema più semplice da realizzare e da mantenere sia in termini di tempo che di denaro. Viene utilizzato prevalentemente al settentrione o comunque nella fascia climatica più fredda, utilizzato per mitigare e compensare l’ambiente in sostituzione delle usuali coperture inerti.

Il sistema a verde pensile estensivo è adatto ad ambienti di forte urbanizzazione e sigillatura di superfici quali zone industriali e artigianali. E’ caratterizzato dalla vegetazione composta da erbacee con uno sviluppo in altezza contenuto o da arbusti di piccola taglia e, in generale, mantiene contenuti il peso, i costi di realizzazione e di manutenzione.

Le principali funzioni nell’impiego di coperture a verde pensile estensivo sono di carattere ambientale, compensatorio e mitigatorio in sostituzione delle classiche coperture inerti usate in edilizia.

La vegetazione del giardino verde estensivo non è calpestabile, quindi l’utilizzo di questo sistema è indicato solo per coperture dove non è previsto il passaggio ma solamente a chi si occuperà della manutenzione. Il sistema potrà essere reso comunque fruibile con percorsi pedonali realizzati con piastre posate ad opera incerta sul substrato, con percorsi in ghiaino, o tavolato in legno.

GIARDINO PENSILE INTENSIVO

È il sistema a verde pensile studiato per consentire la realizzazione di qualsiasi tipo di giardino pensile, anche con alberature di grandi dimensioni, arredo pesante e pavimentazioni carrabili. Le possibilità di realizzazione su questo sistema sono veramente ampie, i limiti di progetto sono determinati solo dalle caratteristiche della struttura portante.

GB irrigazione  con gli opportuni accorgimenti tecnici e progettuali per evitare l’effetto scivolamento è in grado di realizzare un giardino pensile anche su un tetto in pendenza come fosse un tetto piano vero e proprio. Generalmente i tetti verdi inclinati sono inverditi con le Sedum, piante “rustiche” e “semirustiche” visto che sopportano i rigidi inverni e a volte anche il gelo e che grazie alla scarsa manutenzione rendono molto facile l’impianto e gradevole l’effetto finale.

Verde pensile

Verde pensile

GIARDINO PENSILE INTENSIVO LEGGERO

Con questo sistema si identificano giardini pensili generalmente a prato, con la possibilità di mantenere contenuti gli spessori, il peso, i costi di realizzazione e di manutenzione. In questo sistema possono essere introdotte strutture di arredo e pavimentazione, la vegetazione è limitata alle specie cespugliose di media grandezza.

I sistemi a verde pensile intensivo leggero rappresentano la soluzione ottimale quando si richiede alla stratigrafia pensile di offrire uno spazio fruibile a tutti gli effetti con spessori e pesi contenuti.

Questo sistema offre la possibilità quindi di realizzare superfici a tappeto erboso calpestabile e contemporaneamente superfici ricoperte con specie cespugliose di media grandezza.

Le principali caratteristiche di un giardino reticale sono:

  • Versatilità: grazie allo spessore ridotto del sistema, pari a 20 cm, dall’impermeabilizzazione in su.
  • Peso contenuto: peso a massima saturazione idrica non superiore a 225 kg/m².
  • Media manutenzione: i tappeti erbosi richiedono un taglio periodico per mantenere il bell’aspetto, la buona fruibilità e per inibire la crescita di erbacee infestanti. Saltuariamente sono consigliabili interventi di concimazione. A titolo indicativo un sistema intensivo leggero richiede da 4 a 9 giornate/anno per una copertura di 1000 mq.
  • Irrigazione periodica: la vegetazione richiede un substrato umido per vivere e va pertanto progettato un sistema di irrigazione specificatamente calibrato.
  • Piena fruibilità: i tappeti erbosi sono composti da miscele di piante erbacee adatte a tollerare il calpestio.

Il sistema è utilizzato su tetti, terrazze e parcheggi interrati come alternativa o in abbinamento alla pavimentazione classica.

L’utilizzo di specie da giardino, l’intensa fruizione e manutenzione implicano la costituzione di uno spazio naturale molto“addomesticato”.

In questo caso, la copertura a verde pensile assolve alle seguenti funzioni:

Permette di riguadagnare spazio per superfici prative fruibili, eleganti e rilassanti anche nelle zone più intensamente urbanizzate, in posizioni sopraelevate e con vista privilegiata

  • Lo spessore di substrato e l’intensa evapotraspirazione resa possibile dall’apporto idrico di irrigazione, permette a queste coperture di svolgere una ottima funzione di raffreddamento estivo passivo
  • Riduce e posticipa fortemente i deflussi idrici dal tetto in caso di pioggia.
  • Contribuisce a mitigare diverse alterazioni dell’ambiente urbanizzato, come l’isola di calore e l’inquinamento atmosferico
  • Allunga il tempo di vita dell’impermeabilizzazione
  • Aumenta il rendimento dei pannelli fotovoltaici, visto che il rendimento dei pannelli peggiora con le temperature elevate. Il verde pensile permette di ridurre le temperature di esercizio sotto i 30-35 °C aumentando l’efficienza dei pannelli

 

 

Verde pensile

Verde pensile